Raccolta denunce per approvvigionamento autonomo di acqua per i consumi dell'anno 2019 di utenti domestici

Pubblicata il 27/01/2020

Il Consiglio di Bacino Brenta, Le ricorda che tutti gli utenti domestici possessori e utilizzatori di pozzi di approvvigionamento autonomo di acqua (a scopo potabile,per annaffiamento giardini/orti, per abbeveraggio bestiame, a scopo ornamentale, geotermico,ecc.) hanno l’obbligo di trasmettere annualmente la denuncia prevista dall’art. 165 del Decreto Legislativo n. 152/2006.
La denuncia non comporta applicazione di corrispettivi, essendo l’approvvigionamento autonomo per scopi domestici consentito a titolo gratuito ai sensi dell’art. 93 del Regio Decreto
1775/1933 tuttora vigente.
Questo adempimento, oltre ad essere obbligatorio per legge, ha carattere informativo di fondamentale importanza per consentire a questo Ente di pianificare e attuare le azioni necessarie
per la tutela quantitativa e qualitativa della risorsa idrica che è un bene di tutti.
I cittadini sono invitati ad adempiere alla denuncia di approvvigionamento idrico autonomo per i consumi dell’anno 2019 compilando entro il 30 giugno 2020 il modulo internet al quale si
accede dal sito www.consigliobacinobrenta.it entrando nella sezione “Denuncia approvvigionamento idrico” (ultima frase in basso a sinistra della home page) e cliccando poi su
“Denuncia di approvvigionamento idrico autonomo anno 2019”.
Si precisa che per gli utenti possessori e/o utilizzatori di approvvigionamenti autonomi di acqua per attività produttiva la denuncia di approvvigionamento autonomo di acqua, non viene
raccolta dal Consiglio di Bacino. Pertanto, la compilazione in oggetto interessa esclusivamente gli utenti privati e l’uso domestico.
Per gli utenti produttivi valgono gli obblighi di comunicazione derivanti dalle concessioni in essere rilasciate a ciascuna azienda dal Genio Civile a cui si rinvia.

Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto